Skip to main content

Medicina alternativa per raffreddore e influenza

Molte persone si rivolgono alla medicina alternativa per il trattamento dei sintomi del raffreddore. Sfortunatamente, le vitamine e le erbe non hanno dimostrato di essere benefiche per il raffreddore e l'influenza senza effetti negativi. Di seguito sono riportati alcuni esempi comunemente utilizzati e studiati.

Echinacea

L'echinacea è un'erba molto comune per il comune raffreddore e malattie simil-influenzali, ma non ci sono studi conclusivi sulla sua efficacia e sicurezza. È stata condotta una revisione di 24 studi con oltre 4.600 persone per testare l'effetto dell'echinacea sul trattamento di raffreddori comuni. Nel complesso, è stato riscontrato che non vi era un grande effetto sia per la prevenzione che per il trattamento del raffreddore.

Alcuni avvertimenti sull'echinacea affermano che si tratta di uno stimolante immunitario, quindi dovrebbe essere evitato in quelli con malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide, il lupus o le allergie gravi. Inoltre può causare alcune interazioni farmacologiche, quindi assicurati di consultare il medico prima di prendere l'echinacea.

Vitamine, minerali e probiotici

Zinco è stato ben studiato, e sebbene possa ridurre la durata dei sintomi di un raffreddore, ci sono stati casi di perdita permanente dell'olfatto con spray nasali di zinco.

Vitamina C è molto comunemente usato nella speranza di trattare e prevenire il raffreddore. Come trattamento, in una revisione del 2013 di 29 studi e 11306 pazienti, c'è stata una piccola (8%) riduzione della durata dei sintomi del raffreddore a dosi di 200 milligrammi al giorno. L'uso di vitamina C per la prevenzione non ha dimostrato di essere efficace, tranne nei pazienti che si allenano vigorosamente, specialmente in condizioni estreme. Ad esempio, in maratoneti, sciatori e atleti subartici, si è verificata una riduzione del 50% nella quantità di raffreddori durante l'assunzione di vitamina C.

per quanto riguarda vitamina D, uno studio ha mostrato un minor numero di raffreddori nelle persone con livelli di vitamina D più elevati. Altri due studi, tuttavia, hanno dimostrato che non vi era alcuna differenza tra coloro che hanno assunto la supplementazione di vitamina D rispetto a una pillola di zucchero (placebo).

Per quanto riguarda probiotici, uno studio del 2015 ha confrontato l'uso dei probiotici con un placebo tra i bambini e gli adulti con raffreddore ei pazienti che hanno assunto i probiotici hanno avuto un raffreddore di durata inferiore e inferiore. Credo, tuttavia, che siano necessarie ulteriori prove per essere sicuri di questa affermazione.

Risciacquo con acqua salata e Neti Pot

Il risciacquo con acqua salata può essere utile per lavare i virus e aiutare con la congestione, anche se è molto importante che l'acqua utilizzata sia distillata o bollita. In caso contrario, c'è il rischio di infezione nei seni che possono viaggiare nel cervello. I pazienti possono acquistare acqua distillata o sterile, oppure il CDC raccomanda l'acqua del rubinetto solo se è stata fatta bollire per un minuto, quindi raffreddata. (Ad altitudini elevate, ad esempio oltre 6.500 piedi, fai bollire l'acqua per tre minuti). In alternativa, un filtro dell'acqua progettato per rimuovere i batteri può anche essere utilizzato per sterilizzare l'acqua del rubinetto. Finché l'acqua è sterile, i risciacqui sinusali possono essere eseguiti più volte al giorno.

Miele

Nel 2012, uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics ha confrontato una dose di miele con un placebo sull'effetto della tosse notturna e difficoltà a dormire nei bambini con infezioni del tratto respiratorio superiore (sintomi da freddo alla gola e sopra).

C'erano tre tipi di miele usati: miele di agrumi, miele di eucalipto e miele di lebiatae. Questo era uno studio in doppio cieco in cui nessuna delle due parti sapeva se stavano ricevendo il miele o il placebo. C'erano 300 bambini, tutti quelli che erano stati malati per sette giorni o meno. I ricercatori stavano cercando di vedere se la gravità e la frequenza della tosse fossero ridotte e se i bambini dormissero meglio con il miele. I risultati hanno mostrato un miglioramento maggiore nel gruppo trattato con miele. Lo studio è stato condotto nel corso di due giorni. La conclusione è stata che il miele può essere un trattamento per la tosse e il sonno associati alle infezioni del tratto respiratorio superiore dell'infanzia. Avvertenza: il miele non dovrebbe mai essere somministrato a bambini di età inferiore a 1 anno, a causa del rischio di botulismo infantile.

comments powered by HyperComments