Skip to main content

Alimenti che riducono le voglie di alcol

Le voglie di alcol sono paragonate alla voglia di fame, che varia in intensità e sintomi. Un rapporto dell'American Psychological Association afferma che il desiderio di alcol si presenta come una risposta fisiologica a stimoli interni o esterni, come ricordi piacevoli del bere o il profumo dell'alcol. L'equilibrio nutrizionale è significativo nel ridurre il desiderio di alcol e gli effetti collaterali comuni dell'astinenza, come l'ansia o la tensione, l'energia bassa e la mancanza di sonno, così come il disturbo digestivo e l'intestino.

Pane, pasta e riso

Gli alimenti contenenti carboidrati complessi sono importanti per ridurre il desiderio di zucchero associato al recupero di alcol. I carboidrati complessi vengono convertiti in glucosio nel sangue e utilizzati come energia. Tuttavia, a differenza dei semplici alimenti contenenti zucchero, come caramelle o patatine, i carboidrati complessi ti permettono di trattenere l'energia più a lungo e di non causare uno sbalzo di zucchero e di schiantarsi. Gli specialisti della prevenzione della ricaduta del nord-ovest del Pacifico dicono che gli zuccheri semplici di queste fonti producono una reazione chimica che induce stress sul tuo corpo, che aumenta la voglia di alcol. Scegli carboidrati complessi fatti di cereali integrali, grano o crusca. La pasta integrale, il riso integrale e la farina d'avena sono alimenti energetici che forniscono anche vitamine e minerali per un funzionamento sano del sistema nervoso.

Banane, piselli e verdure a foglia verde

Le vitamine del gruppo B sono estremamente importanti nel recupero di alcol e nella riduzione del craving, secondo il Medical Center dell'Università del Maryland. Questo gruppo di vitamine fornisce al tuo corpo energia per combattere l'affaticamento, aiuta nella produzione di globuli rossi per il corretto funzionamento del cervello e del cuore e aiuta a metabolizzare correttamente i nutrienti durante la digestione. Queste vitamine sono anche importanti per aumentare la produzione di serotonina, che aiuta a ridurre l'incidenza di depressione e ansia durante il ritiro iniziale dall'alcol. Mangiare da cinque a otto porzioni di frutta e verdura ogni giorno fornisce quantità adeguate di vitamine del gruppo B. Scegli degli spuntini con banane e uvetta, oppure mangia un pranzo a base di verdure come lattuga romana, broccoli e spinaci. Aggiungi i piselli o le barbabietole come contorno per la cena e goditi le arance, i pompelmi oi meloni per il dessert.

Pollo, salmone e prodotti lattiero-caseari

Le proteine ​​sono importanti per il mantenimento della salute dei muscoli e dei tessuti e per la mediazione dei neurotrasmettitori nel cervello che influenzano l'umore, il sonno e la digestione. Secondo il Medical Center dell'Università del Maryland, una sana dieta per il recupero include l'assunzione di proteine ​​in aumento. Pollo al forno, alla griglia o alla griglia condito con pepe, erbe e spezie è una buona fonte di proteine. Anche i pesci, come il salmone, il tonno e lo sgombro sono opzioni a basso contenuto di grassi. Scegli prodotti caseari a base di latte magro, come yogurt o formaggio, per spuntini. Cerca di non mangiare carni rosse grasse durante il tuo recupero iniziale perché questo potrebbe causare problemi di colesterolo e pressione arteriosa elevati.

Esigenze nutrizionali aggiuntive

In caso di alcolismo cronico, potresti richiedere nutrienti specifici per il recupero, come la tiamina. La tiamina è una vitamina B che è spesso carente in quelli con alcolismo a lungo termine. Consultare il proprio medico per quanto riguarda un supplemento di tiamina e mangiare cibi come maiale, soia e germe di grano per aumentare l'assunzione giornaliera di questa vitamina. Limitare l'assunzione di caffeina, che può provocare voglie di alcol, secondo Lawrence Wilson, MD presso The Center for Development. Mangia tre pasti bilanciati e tre piccoli spuntini ogni giorno per prevenire la malnutrizione. Bere almeno 64 once di acqua al giorno per prevenire la disidratazione e sostenere la salute dei reni.

comments powered by HyperComments