Skip to main content

I solfiti sono buoni per la tua salute?

Gli esseri umani producono circa 1.000 milligrammi di solfiti al giorno, ma i solfiti sono anche usati come cibo per molti alimenti, tra cui vino e frutta secca. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti classifica i solfiti come "generalmente raccomandati come sicuri", o GRAS, sebbene un piccolo numero di persone possa avere una sensibilità al solfito. In generale, i solfiti non hanno un impatto apprezzabile sulla tua salute e comportano solo un rischio per la salute se sei sensibile.

Solfiti 101

I solfiti, quando usati come conservanti, sono sali inorganici che aiutano a prolungare la durata di alcuni alimenti. I sali vengono utilizzati per impedire che gli alimenti diventino marroni, per prevenire la crescita dei batteri e per aiutare a mantenere la stabilità di determinati farmaci. I solfiti si presentano naturalmente come parte del processo di fermentazione in alimenti come birra e vino.

Sensibilità al solfito

Un piccolo numero di persone ha una sensibilità ai solfiti e le reazioni ai solfiti possono causare una serie di sintomi. Questi sintomi si verificano in persone che hanno l'asma, ed è molto meno comune per quelli senza asma avere una sensibilità al solfito. Le persone carenti di solfiti ossidasi, l'enzima necessario per rompere i solfiti, possono manifestare sintomi senza asma.

Gamma di sintomi

I sintomi di una sensibilità al solfito si verificano generalmente entro 15-30 minuti dopo aver consumato solfiti. I cambiamenti della pelle e la difficoltà di respirazione sono comuni e possono anche verificarsi nausea, crampi addominali e diarrea. Potrebbero verificarsi anche cambiamenti nella frequenza cardiaca o problemi respiratori gravi che richiedono cure mediche immediate. Molte persone sostengono che i solfiti causano loro mal di testa, ma questo non è stato supportato da ricerche credibili, osserva Andrew L. Waterhouse, scrivendo per l'Università della California Davis.

Regole di etichettatura

La lettura di etichette su cibi e bevande che possono contenere solfiti è necessaria se si ha una sensibilità. Il vino, ad esempio, che contiene solfiti deve elencarlo sull'etichetta, nota Liza Gross scrivendo per "Vini e Viti". Inoltre, guarda la lista degli ingredienti per il diossido di zolfo, bisolfito di potassio, metabisolfito di potassio, bisolfito di sodio, metabisolfito di sodio o solfito di sodio, che indicano tutti la presenza di solfiti.

comments powered by HyperComments