Skip to main content

Le tre fasi del processo di digestione degli alimenti

Prima che il cibo sia visibile, il cervello prepara il corpo alla digestione. Il semplice pensiero del cibo può innescare un rilascio di sostanze chimiche nello stomaco. Il processo di digestione continua poi in bocca, proseguendo nello stomaco e terminando poi nell'intestino.

Fase cefalica

Nella fase cefalica della digestione, l'anticipazione del cibo prepara il corpo alla digestione, all'assorbimento e all'uso dei nutrienti nel cibo, secondo un articolo pubblicato nel 2008 in "Appetite". L'aspetto sensoriale del cibo, come la vista e l'olfatto , influenza i comportamenti alimentari. Ad esempio, l'odore di un piatto preferito può preparare il terreno per l'eccesso di cibo. Ciò si verifica a seguito dell'attivazione del midollo allungato da parte di input sensoriali correlati al cibo. Il midollo allungato controlla le funzioni autonome come il battito del cuore e la respirazione. La sensazione del cibo in bocca o pensieri legati al cibo inviano segnali al midollo allungato attraverso il nervo vago per stimolare il rilascio di sostanze chimiche per lo stomaco, pepsina e acido cloridrico, che svolgono un ruolo nella disgregazione del cibo. Il nervo vago è il più lungo dei nervi cranici, o dei nervi che hanno origine nel cervello, e si estende attraverso l'addome.

Secondo i ricercatori, questa risposta è probabilmente influenzata dalla grelina peptidica origenica, che è una proteina che si trova principalmente nello stomaco ma esiste anche nel cervello. "Orexigenic" significa letteralmente "stimolante l'appetito". Ghrelin è capace di comunicazione del segnale cerebrale. Pertanto, la grelina è ciò che stimola l'appetito. La grelina influenza anche la quantità di grasso assorbita dal cibo nel corpo.

Fase gastrica

La fase gastrica della digestione inizia quando il cibo penetra nello stomaco, provocando l'estensione dello stomaco. Lo stomaco continua quindi a rilasciare le sostanze chimiche digestive acido cloridrico e pepsina, prima stimolate nella fase cefalica. Questo processo aiuta a migliorare l'assunzione di cibo e la digestione, secondo un articolo pubblicato nel 2010 nel "Bollettino Biologico e Farmaceutico". Quando il cibo è nello stomaco o nella bocca, il riflesso vago-vagale comunica quali nutrienti, come carboidrati e componenti proteici , sono presenti. Sulla base del feedback, vengono rilasciati i livelli richiesti di sostanze chimiche digestive. Ci sono recettori del gusto in bocca che possono rilevare quali nutrienti sono stati mangiati.

Fase intestinale

La secrezione chimica dello stomaco cessa una volta iniziata la fase intestinale della digestione. Questa azione è iniziata dallo stiramento del duodeno e dalla secrezione dell'ormone enterogastronico. Enterogastrone controlla la secrezione acida dello stomaco principalmente quando il grasso raggiunge il duodeno, secondo un articolo pubblicato nel 2008 su "Endocrinologia contemporanea". Il duodeno è un breve pezzo dell'intestino tenue che collega lo stomaco con il resto dell'intestino tenue. Quando si verifica questo processo, l'appetito diminuisce al fine di fermare il consumo di cibo.

comments powered by HyperComments