Skip to main content

Effetti dei bassi livelli di sodio nel sangue sulla pressione sanguigna

Il sodio svolge un ruolo fondamentale nella regolazione delle principali funzioni corporee. Quanto o quanto poco fluido si trattiene, così come il funzionamento del sistema nervoso e dei muscoli dipendono tutti dal sodio. Le linee guida dietetiche del 2010 per gli americani pubblicate dal Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti e l'USDA raccomandano di ridurre il sale aggiunto nella dieta quotidiana per evitare l'ipertensione. Sebbene alti livelli di sodio nel sangue possano aumentare la pressione sanguigna, livelli estremamente bassi di sodio nel sangue potrebbero essere il risultato di anni di ipertensione cronica e malattie cardiovascolari.

Funzione normale

La presenza di sodio nel sangue e nei reni fornisce segnali ai reni per la quantità di sodio e urina da espellere. Quando i reni percepiscono un basso contenuto di sodio, riducono la quantità di sodio che rimuovono dal corpo limitando l'urina prodotta. Quando i tuoi reni si attaccano al liquido, il volume del sangue aumenta e alla fine aumenta la pressione del sangue. Viceversa, quando si consuma una grande quantità di sodio, i reni lavorano per espellere più urina e, con esso, l'eccesso di sale. Se hai sensibilità o condizioni esistenti, carichi di sale da moderati a elevati possono sovraccaricare il sistema e portare a problemi cronici.

Eccesso di assunzione di liquidi

Quando bevi acqua, idrati il ​​corpo e aumenta il volume del sangue come effetto secondario. Normalmente, i tuoi reni espellono parte del liquido come urina e non danno risultati. Quando bevi molta acqua, però, diluisci il sale nei tuoi fluidi corporei. Rilevando la minore concentrazione di sale, i reni si attaccano al fluido nel tentativo di prevenire la perdita di sodio. Un aumento del volume del sangue porta ad alta pressione sanguigna e tessuti gonfiati. Se continui a bere grandi quantità di acqua, si ottengono risultati di intossicazione da acqua. Livelli di sodio pericolosamente bassi, combinati con quantità eccessive di liquidi possono portare a insufficienza d'organo, gonfiore del cervello e morte. L'intossicazione da acqua può essere accidentale o intenzionale. Nel 2007, una donna è morta dopo aver partecipato a una gara di bevute con acqua e sofferto di intossicazione da acqua, secondo un articolo del 9 ottobre 2009 su L.A. Now.

Problemi sistemici

Gravi problemi di salute come insufficienza cardiaca e insufficienza renale possono portare a una condizione nota come iponatriemia o bassi livelli di sodio nel sangue. Le persone anziane in condizioni di salute insufficiente, o con insufficienza cardiaca, insufficiente afflusso di sangue ai reni, danno epatico o altri problemi di salute significativi possono sviluppare livelli anormalmente bassi di sodio nel sangue quando i loro corpi trattengono troppo fluido a causa di insufficienza d'organo o complicazioni da farmaci. I conseguenti bassi livelli di sodio portano ulteriormente a pressione sanguigna instabile, edema o gonfiore e altri problemi.

considerazioni

Più che aumentare la pressione sanguigna in base ai liquidi corporei accumulati, livelli molto bassi di sodio nel sangue e il conseguente squilibrio chimico nel sangue possono causare confusione, mal di testa, nausea o anche coma e morte. Una dieta moderata o bassa di sodio aiuta a proteggersi dalle condizioni croniche causate da troppa sodio, tra cui ipertensione, malattie dei vasi sanguigni e insufficienza cardiaca e renale. Le linee guida 2010 per gli americani raccomandano un massimo apporto giornaliero di sodio di 2.300 mg per gli adulti sani di età inferiore a 51 anni e inferiore a 1.500 mg per persone di età pari o superiore a 51 anni, che è sensibile al sodio o ha condizioni esistenti, come malattie cardiache o renali .

comments powered by HyperComments