Skip to main content

Le piante che guariscono le ferite

Le piante sono state usate per curare le ferite sin dai tempi antichi - ad esempio, Alessandro Magno riforniva i suoi soldati di aloe vera dopo una battaglia. Le piante curative funzionano in diversi modi: alcune hanno proprietà antinfiammatorie e alcune sono antisettiche, impedendo ai germi di infettare ferite. Altri sono astringenti e aiutano a contrarre il tessuto, che controlla il sanguinamento.

Aloe Vera

L'aloe vera è utilizzata in due modi principali: assunta per via orale come lassativo e applicata localmente per curare ferite, ustioni e condizioni della pelle. Secondo il centro di risorse britannico Piante per un futuro, l'aloe aiuta a guarire le ferite fornendo un rivestimento protettivo, stimolando il tasso di guarigione e riducendo la possibilità di infezione. Per trattare una ferita, usa il gel trasparente delle foglie di aloe; puoi applicarlo direttamente tagliando su una foglia o usa un unguento che contiene il gel.

Semprevivo

Il semprevivo è un parente dell'aloe utilizzato anche per la guarigione delle ferite. Il gel nelle foglie della pianta casalinga lenisce la pelle e contiene qualità astringenti. Il gel è ottenuto e utilizzato allo stesso modo del gel di aloe, ma l'uso commerciale del semprevivo è molto più raro dell'uso commerciale di aloe. Houseleek è anche chiamato "galline e pulcini" a causa del modo in cui cresce; la rosetta madre (la gallina) produce piccole rosette nuove (i pulcini), che sono attaccate da sostanziali steli.

millefoglie

Yarrow cresce spontaneamente in luoghi che vanno dai lotti cittadini ai prati campestri, ed è usato per trattare una varietà di condizioni, dai raffreddori comuni ai problemi renali. Il suo uso principale è nella guarigione delle ferite: è una benda naturale che agisce da antisettico e aiuta a fermare il sanguinamento. È possibile applicare achillea a una ferita sotto forma di foglie fresche, polvere, succo o unguento. Guarda per una possibile reazione allergica, però - si presenta spesso come un'eruzione sulla pelle.

Erba di San Giovanni

L'erba di San Giovanni è spesso assorbita per trattare condizioni che vanno dalla depressione ai crampi mestruali, ma è anche usata esternamente per guarire ustioni e ferite. Lo scrittore della salute Michael Castleman riporta i composti antibiotici e antinfiammatori nell'erba di San Giovanni per prevenire le infezioni e aumentare il processo di guarigione. Plants for a Future dice che i fiori possono essere infusi in olio d'oliva o trasformati in una tintura applicata a una ferita.

comments powered by HyperComments