Skip to main content

Qual è il normale tasso di respirazione dei bambini?

I bambini respirano più velocemente degli adulti. La dimensione corporea, il peso e il livello di attività influenzano i normali tassi di respirazione. Ma l'età è il fattore più comunemente utilizzato per determinare i valori normali. La frequenza respiratoria normale varia da 30 a 60 respiri al minuto alla nascita fino a 12-16 respiri al minuto all'età di 18 anni. La respirazione mantiene l'equilibrio critico del bambino tra ossigeno e anidride carbonica.

Respira per età

Secondo il Dipartimento della salute dello Stato di New York, i neonati, dalla nascita a 1 anno, dovrebbero avere da 30 a 60 respiri al minuto. I bambini di età compresa tra 1 e 3 anni respirano da 24 a 40 volte al minuto. Pre-scolaresche, dai 3 ai 6 anni, in media da 22 a 34 respiri al minuto. I bambini dai 6 ai 12 anni hanno da 18 a 30 respiri al minuto. Gli adolescenti, di età compresa tra 12 e 18 anni, hanno da 12 a 16 respiri al minuto.

Cose da considerare

I bambini non sono tutti uguali e varie autorità riferiscono intervalli respiratori normali leggermente diversi, anche se la maggior parte varia solo di pochi punti percentuali. Tuttavia, la tendenza a ridurre il tasso normale con l'aumentare dell'età rimane invariata in tutti i casi. Le percentuali normali variano in base al peso, ai livelli di attività e alle tappe dello sviluppo legate alla crescita.

Respirazione per l'equilibrio

La frequenza respiratoria normale è importante perché la respirazione eroga ossigeno al cuore di un bambino in via di sviluppo, al cervello, al fegato e a tutti gli altri sistemi di organi. Un bambino non solo ha bisogno di ossigeno per il metabolismo in corso, come un adulto, ma per la creazione di nuovi tessuti e tessuti, ossa e nervi. La respirazione elimina anche l'anidride carbonica, il normale prodotto di scarto del metabolismo e della crescita. La biochimica di un bambino è attentamente bilanciata tra troppa e troppo poca anidride carbonica. Una normale frequenza respiratoria è uno dei più importanti regolatori di questo equilibrio.

pericoli

Secondo il dott. A. T. Rotta, nel numero di marzo 2003 di "Respiratory Care", molte delle più importanti emergenze respiratorie infantili sono legate ai tassi di respirazione. La respirazione lenta causa la fame di ossigeno e danneggia i sistemi più attivi e in crescita. Un accumulo di troppa anidride carbonica può causare perdita di coscienza, convulsioni e coma. Questo può essere causato da un'ostruzione delle vie aeree, dall'infiammazione o dall'ingestione accidentale di farmaci depressivi come antidolorifici, tranquillanti e intossicanti.

Respirare troppo velocemente causerà l'eliminazione di troppa anidride carbonica. Ciò causa battiti cardiaci irregolari, cambiamenti nel flusso di sangue agli organi vitali e cambiamenti neurologici. La febbre alta e l'ingestione accidentale di stimolanti possono causare questo squilibrio.

Conteggio di aliti

La normale frequenza respiratoria nei bambini è facile da misurare. Basta contare i cicli respiratori - un'inalazione e un'espirazione è un respiro - in un minuto completo. Non contare parte di un minuto e moltiplicare. La frequenza respiratoria di un bambino può essere irregolare a causa di dolore, pianto o irrequietezza. Controlla anche la profondità di ogni respiro. Se la respirazione è insolitamente bassa o profonda, possono anche verificarsi disturbi di ossigeno e anidride carbonica. Tutti i segni e i sintomi anormali che accompagnano una frequenza respiratoria anormale dovrebbero ricevere immediata attenzione medica.

comments powered by HyperComments