Skip to main content

Argento colloidale e malattia di Lyme

La malattia di Lyme ha preso il suo nome quando è stata identificata come l'origine di un'epidemia di artrite a Lyme, Connecticut nel 1975. La malattia di Lyme può svilupparsi quando le zecche infettate con i batteri Borrelia burgdorferi mordono gli ospiti umani. Negli ultimi anni, i professionisti della medicina alternativa hanno raccomandato l'argento colloidale per il trattamento della malattia di Lyme.

Storia

La reputazione di Silver come reparto contro la malattia risale almeno agli antichi greci, che immagazzinavano liquidi in vasi d'argento per mantenerli freschi e puri. Quando la peste devastò l'Europa durante il Medioevo, i ricchi usarono posate e piatti d'argento, sperando di prevenire l'infezione.

L'argento ha iniziato a comparire in prodotti medici alla fine del 19 ° secolo. I medici hanno dato gocce d'argento ai bambini nati da madri che avevano la gonorrea, nella speranza di prevenire la cecità pediatrica. L'invenzione degli antibiotici ridusse brevemente l'interesse medico per l'argento, ma l'ascesa dell'industria degli integratori annunciò un ritorno all'argento colloidale.

Identificazione

Secondo l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), il primo segno di infezione da malattia di Lyme è una eruzione cutanea che si irradia dal sito del morso di zecca. Con il progredire della malattia, le eruzioni cutanee possono comparire su altre parti del corpo. L'infetto può anche soffrire di febbre, mal di testa, rigidità del collo, dolori muscolari e affaticamento. Se la malattia non viene curata, metà delle persone infette sperimenterà articolazioni dolorose e gonfie, che possono progredire fino all'artrite cronica nel 10-20% delle persone. Sintomi neurologici che iniziano con un torcicollo e mal di testa possono progredire alla paralisi di Bell e intorpidimento delle estremità. Una minoranza di pazienti non trattati sperimenta complicazioni cardiache, epatite e affaticamento debilitante.

fraintendimenti

I sostenitori di argento colloidale sostengono che cura la malattia di Lyme, uccidendo il batterio disabilitando la sua capacità di metabolizzare l'ossigeno. I sostenitori indicano un singolo studio pilota in cui l'argento colloidale distruggeva i batteri contenuti in una provetta. A partire dall'agosto 2010 non esistono studi di peer review revisionati sull'uso dell'argento colloidale per curare le malattie nell'uomo.

L'argento colloidale non è un trattamento sicuro o efficace per qualsiasi condizione medica, secondo la US Food and Drug Administration, e nel 1999 la FDA ha bandito l'uso dell'argento colloidale in prodotti da banco. Può ancora essere venduto come supplemento, ma ai marketer è vietato fare affermazioni sulla salute, una regola che si interrompono con entusiasmo e spesso.

avvertimento

L'uso dell'argento colloidale può causare argiria, una colorazione blu-grigia permanente, non curabile della pelle, degli occhi, degli organi interni, delle unghie e delle gengive, secondo la Mayo Clinic. Dosi eccessive possono portare a problemi neurologici, danni ai reni e irritazione della pelle.

Soluzione

Secondo il NIAID, un breve ciclo di antibiotici tratta con successo la maggior parte dei casi di malattia di Lyme che vengono scoperti precocemente. Se la malattia è progredita, potrebbe essere necessario un ciclo di antibiotici più intenso da tre a quattro settimane.

comments powered by HyperComments